l'istituto

L’eredità di Enrico Fermi. Le sfide del futuro

Chi Siamo
l'organizzazione

la ricerca

Il CREF promuove linee di ricerca originali e di grande impatto, improntate ai metodi della fisica, ma con un forte carattere interdisciplinare e in relazione con i principali problemi della moderna società della conoscenza.

Linee di ricerca strutturali
LINEE DI RICERCA individuali
Linee di ricerca in storia della fisica
infrastrutture
personale di ricerca

giovani e ricerca

Alta formazione e progetti per giovani ricercatori e ricercatrici

STIAMO CERCANDO...
leggi tutto

terza missione

CREF nasce con la duplice anima di Centro di Ricerca e di Museo Storico, con l’intento di conservare e diffondere la memoria di Enrico Fermi, oltre che favorire un’ampia diffusione e comunicazione della cultura scientifica.

PROSSIMO EVENTO

Ore 11 AM

Seminar open to scholars

news

Pubblicazioni, novità, rassegna stampa

cover_saracco_twitter (1)

la ricerca

Il regio istituto di fisica a via Panisperna tra storia e ricerca

Responsabile della linea di ricerca
Miriam Focaccia

Contenuto scientifico e obiettivi

Il progetto, pensato nel contesto della rinnovata sede storica del Museo Storico della Fisica e Centro Studi e Ricerche ‘Enrico Fermi’ (CREF), intende ripercorrere la storia del Regio Istituto di Fisica nel periodo in cui la sede fu in via Panisperna, conservando e diffondendo la memoria dei suoi protagonisti e delle ricerche che qui vennero portate avanti, in un periodo in cui la fisica italiana fu protagonista della scena internazionale.

Proseguendo il lavoro iniziato con lo studio della biografia scientifica del fondatore e primo direttore del Regio Istituto di Fisica, Pietro Blaserna (1836-1918), si è approfondita la figura e l’opera del suo successore, il fisico Orso Mario Corbino (1876-1937), ponendo speciale attenzione ad alcuni eventi particolarmente significativi legati alla direzione di Corbino, sia a livello istituzionale e organizzativo, con specifico riferimento ai rapporti con Enrico Fermi e il suo gruppo di collaboratori; sia a livello di comunicazione e alta diffusione della cultura scientifica, e in particolare della Fisica.

Inoltre, in un contesto di studi di genere, si stanno studiando ed evidenziando, da un lato, l’opera e le figure di alcune scienziate che lavorarono al Regio Istituto di Fisica nel periodo preso in esame: tra queste, Matilde Marchesini e Margarethe Traube, Evangelina Bottero e Carolina Magistrelli, Nella Mortara, sino a Laura Capon e Ginestra Giovene.

Dall’altro, le collaborazioni di Enrico Fermi con scienziate donne nel periodo americano (1939-1954). Tra i nomi presi in esami: Joan Hinton, che collaborò con Fermi in occasione del Progetto Manhattan; Leona Woods, presso l’Università di Chicago e altri laboratori; Maria Goeppert-Mayer, Premio Nobel nel 1963, con la quale condivise ricerche e scambi proficui di idee.

Le ricerche comprendono scambi epistolari, pubblicazioni scientifiche, materiali archivistici editi e inediti.

  • Giovanni Paoloni, Sapienza Università di Roma 
  • Sandra Linguerri, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 
  • Giovanni Battimelli, Sapienza Università di Roma 
  • Adele La Rana, Università di Macerata, INFN-sezione di Roma 
  • Lia Pancheri, INFN-Laboratori Nazionali di Frascati 
  • Accademia delle Scienze dell’Istituto di Bologna 
  • Società Italiana di Fisica 
  • Società Italiana degli Storici della Fisica e dell’Astronomia 
  • Società Italiana di Storia della Scienza
  • M. FOCACCIA, (a cura di) Orso Mario Corbino. Un manager della ricerca all’Istituto fisico di Roma, Bologna, SIF, 2022. 
  • M. FOCACCIA, Not Just Boys at Via Panisperna: Women at the Royal Physics Institute in Rome, Physics in Perspective, 24, issue 2-3, 2022, pp. 154-177. 
  • M. FOCACCIA, Review: E. Amaldi. Da via Panisperna all’America. I fisici italiani e la Seconda Guerra Mondiale, a cura di G. Battimelli, M. De Maria, A. La Rana, Ed Riuniti, 2022, in Il Nuovo Saggiatore, vol. 38, n. 5-6, 2022. 
  • M. FOCACCIA, Tra politica e medicina: il no di Bartolo Nigrisoli, Rivista di Storia dell’Università di Torino, X/2, 2021, pp. 2-11.
  • M. FOCACCIA, L. Cifarelli, Laura Bassi. Emblem and primacy of Settecento science, Physics News. Bulletin of the Indian Physics Association, 51/3, 2021, pp. 43-45. 
  • M. FOCACCIA, The ‘practical school’ of Physics at via Panisperna: from the lecture theatre to the laboratory, “Physis”, 55, 2020, pp. 400-414. 
  • M. FOCACCIA, Pietro Blaserna and the Birth of the Institute of Physics in Rome -A Gentleman Scientist at Via Panisperna, Springer Biographies-SIF, 2019.
  • Miriam Focaccia