Murray Gell-Mann (1929-2019), fisico teorico newyorkese, ha apportato contributi fondamentali alla fisica, tra cui la teoria della cromodinamica quantistica. È stato insignito del Premio Nobel per la Fisica nel 1969 per il suo lavoro sulla teoria delle particelle elementari, e in particolare sulla teoria dei quark.

[Ascoltatore: Geoffrey West; data registrazione: 1997]

Murray Gell-MannGuarda il video
Murray Gell-Mann ci parla di Enrico Fermi

TRANSCRIPT: Teneva un piccolo taccuino con formule utili, che erano tutte esatte, perfette. Ogni fattore due corretto, ogni segno corretto, ogni dimensione corretta, era tutto giusto. Non metteva mai niente nel suo piccolo taccuino, che portava con sé, senza assicurarsi che fosse perfettamente corretto. E questo gli permetteva di affrontare un sacco di problemi pratici su semplice richiesta, perché li aveva già elaborati in precedenza e alcune delle formule critiche erano nel suo libricino. La maggior parte delle cose a cui aveva pensato prima in un modo o nell’altro, la maggior parte delle domande in fisica erano domande… erano… erano nuove forme di domande a cui aveva già risposto. E così, se gli si chiedeva qualcosa, iniziava in alto a sinistra della lavagna e scriveva riga dopo riga e poi più tardi, magari in basso a destra o prima ancora, otteneva la risposta e la cerchiava. E la risposta era sempre corretta; non commetteva mai errori.

Non si poteva immaginare un contrasto maggiore con Viki Weisskopf. Tutto ciò che Viki scriveva era modulo una potenza di due, una potenza pi greco, una potenza i, il numeratore e il denominatore potevano benissimo essere scambiati. Ricordo quando in una lezione di fisica nucleare cercò di ricavare la formula della risonanza…

La formula di Breit-Wigner

La formula di Breit-Wigner, che nella teoria atomica era chiamata formula di Weisskopf-Wigner. Breit e Wigner la generalizzarono alla teoria nucleare, ma era esattamente la stessa formula della formula di Weisskopf-Wigner nella teoria atomica. Beh, sbagliò tutto, completamente sbagliato. Il… il numeratore era nel denominatore, il denominatore era nel numeratore, il segno era sbagliato, i valori, c’erano fattori due e fattori pi greco che fluttuavano. Così ha detto ‘Bene’, ha detto,’ questa volta non mi sono preparato, devo ammettere che non ho preparato questa lezione, quindi… ma la prossima volta verrò preparato e la dedurrò correttamente”. Beh, è venuto la volta dopo e ha provato a derivarla e ha fallito di nuovo.

Ora, naturalmente, ogni studente di quella classe ha imparato a derivarne la formula. Quindi è stato molto più efficace della presentazione lineare di Julian Schwinger, che in realtà non ti ha lasciato imparare nulla perché ha sorvolato su tutte le difficoltà e ha presentato solo un’immagine molto fluida di ciò che stava accadendo. Non ti ha lasciato molta idea di come fare da solo, mentre gli errori di Viki sono stati molto educativi. Ora Fermi derivava tutto in maniera esatta ma non era affatto un formalista. Semplicemente calcolava le cose, usando di solito l’aritmetica, e otteneva la risposta con qualche trucco che era molto, molto semplice.

Tuttavia, era un trucco, e si basava sul fatto che aveva già risolto il problema più volte in diversi modi e aveva messo le risposte nel suo piccolo taccuino. Così che era un po’ difficile imparare da lui anche perché ci si sarebbe dovuti inventare quel trucco, che non era necessariamente così facile, se si doveva fare il problema da soli. Lui non impostava un problema in modo generale in modo che tu ti rendessi subito conto di averlo risolto allo stesso modo. Lui aveva il suo piccolo trucco, che avresti dovuto inventare tu stesso per risolverlo da solo il problema. Comunque, andava tutto bene. Ma se gli facevi una domanda per la quale non sapeva la risposta, allora le cose diventavano molto più difficili. Non ne era molto contento e la discussione diventava difficile, e molto interessante, ma difficile.

E naturalmente io gli ho chiesto abbastanza spesso cose che lui non sapeva, domande alle quali non sapeva davvero la risposta, e di conseguenza abbiamo avuto delle discussioni molto interessanti.