l'istituto

L’eredità di Enrico Fermi. Le sfide del futuro

Chi Siamo
l'organizzazione

la ricerca

Il CREF promuove linee di ricerca originali e di grande impatto, improntate ai metodi della fisica, ma con un forte carattere interdisciplinare e in relazione con i principali problemi della moderna società della conoscenza.

Linee di ricerca strutturali
LINEE DI RICERCA individuali
Linee di ricerca in storia della fisica
infrastrutture
personale di ricerca

giovani e ricerca

Alta formazione e progetti per giovani ricercatori e ricercatrici

STIAMO CERCANDO...
leggi tutto

terza missione

CREF nasce con la duplice anima di Centro di Ricerca e di Museo Storico, con l’intento di conservare e diffondere la memoria di Enrico Fermi, oltre che favorire un’ampia diffusione e comunicazione della cultura scientifica.

PROSSIMO EVENTO

Ore 11 AM

Seminar open to scholars

news

Pubblicazioni, novità, rassegna stampa

cover_saracco_twitter (1)

infrastrutture

Laboratorio NaN – Neurophysics e Neuroimaging

Il CREF collabora con la Fondazione Santa Lucia IRCCS FSL all’interno di una piattaforma di ricerca congiunta e paritaria istituita presso la Fondazione stessa. La Fondazione è un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, sede di attività cliniche di alta specializzazione nei campi di trattamento di patologie neurologiche e neuroriabilitazione dopo traumi o insulti cerebrali. La Fondazione Santa Lucia tratta oltre 2000 ricoveri all’anno (oltre all’attività ambulatoriale) ed è sede di un’intensa attività di ricerca. La piattaforma di ricerca congiunta è dedicata a ricerca di base e clinica in neuroscienze e neuroimmagini, ed è finalizzata allo sviluppo, messa a punto e applicazione di nuove tecnologie di Risonanza Magnetica. Nell’ambito delle attività di piattaforma, ricercatori CREF e FSL collaborano in stretto contatto con le attività cliniche, in modo da massimizzare la valenza traslazionale della ricerca.

All’interno della piattaforma, il CREF dispone di un laboratorio dedicato NaN, Neurophysics and Neuroimaging); inoltre, le attività di ricerca con neuroimmagini dell’intera piattaforma sono coordinate da personale CREF Federico Giove). Tali attività coinvolgono un elevato numero di ricercatori (circa 50, provenienti da varie istituzioni pubbliche e private, e possono contare su infrastrutture sperimentali all’avanguardia. È in particolare disponibile uno scanner MRI Siemens Prisma 3T, dedicato esclusivamente alla ricerca. È lo scanner dalle prestazioni più elevate attualmente disponibile 64 canali RF, gradienti 80 mT/m @ 200 T/m/s, magnete altamente omogeneo). Sono disponibili sequenze MRI avanzate e non commerciali, in base ad accordi di ricerca con importanti istituzioni internazionali Harvard Medical School, Unversity of Minneapolis, University of California San Diego). Sono disponibili strumenti per la programmazione delle sequenze di impulsi, nonché le competenze e le abilitazioni richieste. Sono infine disponibili presso la piattaforma tutti gli strumenti ausiliari necessari al monitoraggio dei volontari ed all’esecuzione di complessi studi funzionali. La piattaforma dispone altresì di strutture IT complete. Queste includono l’elaborazione distribuita (grid based computing ottimizzato per il neuroimaging, oltre 140 nodi) e un database completo per i dati di neuroimmagini integrato con storage centrale su SAN RAID 200 TB online, di cui circa il 10% su SSD. Il database contiene al momento le neuroimmagini di circa 14000 pazienti.