Il CREF è pronto ad immergersi nello studio del mondo online. Si cercherà di comprendere meglio quali meccanismi dominano la formazione delle echo chambers, la polarizzazione e la diffusione di diverse narrative online.

L’approccio sarà principalmente orientato su 4 aspetti:

1) La teorizzazione, l’implementazione e la validazione di nuove metriche per caratterizzare le dinamiche sociali online con particolare riferimento a fenomeni di fruizione di informazione e interazione con altri utenti.

2) L’analisi delle caratteristiche proprie di ogni singola comunità con particolare riferimento alla tipologia di linguaggio utilizzato e ai tratti specifici di ogni singolo gruppo al fine di prevederne l’evoluzione

3) Implementazione di metriche atte a valutare i pattern di produzione delle informazioni da parte di testate giornalistiche sui vari social media (Facebook, Twitter, YouTube, Instagram etc.) al fine di capire come il business model e le strategie di pubblicazione influenzino la percezione e la fruizione dei contenuti online.

4) Metriche per la classificazione e previsione del hate speech sia dal punto di vista algoritmico che normativo. L’attività prevede la collaborazione con l’autorità garante per le comunicazioni. Per facilitare l’implementazione del progetto si prevede la messa in esercizio di una piattaforma permanente di monitoraggio dati e attività di confronto e divulgazione orientate a sensibilizzare una vasta audience al tema dei dati e dell’impatto dei social media sulla nostra società.

In breve, l’analisi dei comportamenti sociali con l’avvento dei big data può essere affrontata anche attraverso la data science. Lo studio sistematico svolto in maniera quantitativa e puntuale dei processi sociali ha notevolmente allargato il potenziale di indagine. In questo contesto con progetto del CREF intendiamo proporre lo studio mirato dell’effetto delle piattaforme sulle dinamiche della nostra epoca attraverso un approccio fortemente quantitativo ed empirico.