Il CREF sta avviando un progetto per studiare le possibilità di sviluppo delle regioni italiane

Un progetto del CREF presente nel piano triennale s’impegnerà di studiare, sia a livello nazionale sia internazionale, lo sviluppo produttivo, scientifico e tecnologico dei paesi, basandosi su dati di produzione industriale, scientifica e brevettuale disaggregati rispettivamente per categorie industriali, settori scientifici e codici tecnologici.

Un proposito di questo progetto è quello di estendere tali metodologie a un livello geografico più dettagliato, studiando quello che avviene in diverse aree dei vari paesi. Per quanto riguarda l’Italia questo implicherebbe lo studio delle unità regionali, a cui dati, sulla produzione industriale e tecnologica, ha accesso anche il CREF. Allo scopo di avere una prospettiva nello stesso tempo più ampia e più precisa sulle prospettive di sviluppo delle diverse regioni italiane, l’intenzione è di unire dati sulla produzione industriale e tecnologica con quelli che riguardano la produzione di capitale umano di quella parte della popolazione che accede agli studi superiori e che necessariamente è l’attore principale dello sviluppo scientifico e tecnologico e, perciò, anche economico.

Le principali fonti di dati a disposizione del CREF sono: Scival e Microsoft Academic Graph per la produzione scientifica, Patstat per i brevetti, Istat per la produzione industriale a livello nazionale e regionale e Comtrade delle Nazioni Unite per la produzione industriale dei diversi paesi.