Il nostro ambiente e le nostre società sono chiaramente in pericolo e stanno subendo importanti trasformazioni strutturali, in particolare attraverso il cambiamento climatico, la globalizzazione e la digitalizzazione. In questo quadro, la crisi ancora in corso legata al COVID-19 non ha fatto altro che rendere ancora più urgenti e pressanti le istanze legate ai Goal dello Sviluppo Sostenibile (SGDs). Sebbene le vie d’uscita dall’attuale situazione non siano ancora visibili, è chiaro che la crisi che stiamo vivendo ha il potenziale per cambiare in maniera profonda le nostre abitudini e la nostra vita.

In quest’ottica diventa sempre più importante la ricerca e lo studio di nuove soluzioni per avviare uno sviluppo sostenibile. Il progetto del CREF si concentrerà sull’agenda globale dell’innovazione, puntando ad incidere in questo modo su diversi settori legati agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. In particolare, a causa del crescente livello di urbanizzazione a livello globale, molti SDG sono destinati ad affrontare le questioni relative agli spazi urbani per migliorare l’accessibilità e la mobilità, ottimizzare la logistica e la gestione dei rifiuti, migliorare l’inclusione, promuovere una transizione verde.

Il team del CREF seguendo un approccio data-driven sostenuto dall’intelligenza artificiale sta studiando nuove soluzioni rendere le città più sostenibili e funzionali. L’urbanizzazione è una tendenza irreversibile nelle dinamiche demografiche globali. Il World Economic Forum (WEF) prevede che entro il 2050 il 68% della popolazione mondiale vivrà in città. Le città oggi stanno subendo cambiamenti significativi che richiedono un pensiero informato e strategico per raggiungere gli SDG. I fenomeni urbani (ad esempio, l’esclusione sociale e la gentrificazione, la mobilità e l’accessibilità, la gestione degli eventi pubblici, il recupero dopo i disastri naturali, la riprogettazione e la pianificazione dei confini delle città e delle aree funzionali) agiscono tutti a scale spaziali e temporali molto diverse.

La risposta alle sfide della sostenibilità urbana può venire solo da un approccio coordinato e multidisciplinare che operi a scale spaziali e temporali molto diverse. Dalla scala temporale breve del presente al pensiero strategico a lungo termine. Dalle micro scale di intervento a terra (sistemi di trasporto, logistica, ecc.) alla grande scala delle caratteristiche più complesse (inclusione, gentrificazione, vocazione di aree specifiche).