I dati possono aiutarci a capire come rendere le città più accessibili

La diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e la conseguente disponibilità di una ricchezza di dati senza precedenti hanno aperto nuove opportunità per un’indagine scientifica sulla complessità degli ambienti urbani.

Questa disponibilità di dati ha favorito studi volti ad identificare i modelli di coevoluzione dei comportamenti umani e sociali (così come l’innovazione a livello di infrastrutture e servizi). Mappare i fenomeni che ci interessano all’interno di una città può permettere di progettare soluzioni che rendano lo spazio urbano più efficiente ed inclusivo.

A tal fine, ci si concentra su un aspetto specifico delle città, ovvero il tema dell’accessibilità. L’accessibilità può essere descritta come la capacità delle città di consentire alle persone di muoversi in modo efficiente garantendo equità e pari accesso alle opportunità personali e professionali. In questa prospettiva, accessibilità non significa solo la capacità complessiva di transito urbano: deve anche essere declinata come accessibilità di aree specifiche, per persone particolari con scopi specifici. Ancora più semplicemente si può dire che con l’accessibilità s’intende una valutazione complessiva dei servizi pubblici, non sempre distribuiti omogeneamente.

Non è raro, infatti, che i progetti di trasporto pubblico guidati dai governi beneficino solo una piccola parte della popolazione, mentre le condizioni di viaggio medie rimangono scarse per la maggior parte della popolazione. È quindi importante essere in grado di quantificare l’accessibilità in un modo che rappresenti da vicino l’esperienza dei cittadini, concentrandosi sui tempi di percorrenza tra le varie aree geografiche. La nozione matematica chiave utilizzata per quantificare i tempi di viaggio sarà quella delle mappe isocroniche, cioè mappe che mostrano le aree relative alle isocrone tra diversi punti.

Clicca qui per leggere l’intero articolo scientifico.

Clicca qui per visualizzare la mappatura dei risultati.