l'istituto

L’eredità di Enrico Fermi. Le sfide del futuro

Chi Siamo
l'organizzazione

la ricerca

Il CREF promuove linee di ricerca originali e di grande impatto, improntate ai metodi della fisica, ma con un forte carattere interdisciplinare e in relazione con i principali problemi della moderna società della conoscenza.

Linee di ricerca strutturali
LINEE DI RICERCA individuali
Linee di ricerca in storia della fisica
infrastrutture
personale di ricerca

giovani e ricerca

Alta formazione e progetti per giovani ricercatori e ricercatrici

STIAMO CERCANDO...
leggi tutto

terza missione

CREF nasce con la duplice anima di Centro di Ricerca e di Museo Storico, con l’intento di conservare e diffondere la memoria di Enrico Fermi, oltre che favorire un’ampia diffusione e comunicazione della cultura scientifica.

PROSSIMO EVENTO

Ore 11 AM

Seminar open to scholars

news

Pubblicazioni, novità, rassegna stampa

cover_saracco_twitter (1)

eventi e appuntamenti

Il Museo Egizio tra archeometria e museologia

Cover seminario Enrico Ferraris su Museo Egizio

ore 15  Aula Fermi

Il seminario sarà trasmesso in streaming sul nostro canale YouTube

Speaker

Enrico Ferraris, Curatore del Museo Egizio di Torino

Abstract

Il seminario tenuto da Enrico Ferraris, curatore del Museo Egizio, presso il Centro Ricerca Enrico Fermi avrà come oggetto l’applicazione dell’archeometria come metodo standard per lo studio e la narrazione della collezione del Museo Egizio. A partire dall’introduzione dell’archeometria come asse di ricerca nel 2015, verranno presentati alcuni esempi significativi come il progetto TT8 e la mostra “Archeologia Invisibile” del 2019. Durante il seminario, si discuterà del modo in cui le scienze umane e le scienze naturali sono diventate parte integrante di una visione olistica che, al Museo Egizio, lega sempre più ricerca e disseminazione come momenti di un’unica traiettoria culturale.

Bio di Enrico Ferraris

Enrico Ferraris è dal 2013 curatore presso il Museo Egizio. Ha lavorato per la missione di scavo dell’Università di Torino ad Alessandria d’Egitto (2001-2007) e per il Ministero degli Affari Esteri Italiano al Museo Egizio del Cairo (Grand Egyptian Museum, 2004). È responsabile del programma di analisi dei reperti della tomba intatta di Kha e Merit, denominato TT8 Project (2018-2023). Ha curato le mostre temporanee “Archeologia Invisibile” e “Aida, figlia di due mondi”.

Talk in presenza e online
Condividi questo evento: